La tosse canina, o convulsa, così definita per via del verso e del fastidio prolungato che produce, è una tipologia di tosse piuttosto diffusa tra gli adulti. Si tratta di una laringite acuta che si verifica abbastanza di frequente durante la stagione invernale. Scopriamo di più su sintomi e rimedi, per combattere questo fastidioso problema.

Sintomatologia

Quando si ha la tosse canina significa che vi è in atto un’infezione alle vie respiratorie. Dopo un periodo di incubazione, che può essere asintomatico, nei primi giorni si potrebbero accusare i fastidi tipici del raffreddore. Starnuti, tosse non particolarmente intensa, qualche decimo di febbre.

Una manifestazione però, che poi vira verso una intensificazione piuttosto accesa della tosse. Questo processo si concluderà con la comparsa della classica tosse convulsa, dal suono piuttosto pronunciato. I colpi di tosse sono generalmente prolungati e i sintomi, via via più accentuati, arrivano a provocare una tosse stizzosa con catarro ed uno stato di malessere generale.

La terapia specifica per trattare questa fastidiosa problematica, a seconda dei casi, può consistere nell’assunzione di:

  • Pastiglie e sciroppi sedativi della tosse: sono solitamente a base di un principio attivo antitussigeno che agisce per ridurre lo stimolo a tossire. Un problema che va ad incidere negativamente sia sul normale svolgimento delle attività diurne, che sul riposo notturno.
  • Spray per dare sollievo localizzato: a causa dei ripetuti colpi di tosse, la gola è posta sotto scacco e necessita quindi di un’azione emolliente e protettiva. In questo modo la si mantiene idratata, ripristinando la normale funzionalità della parte.
  • Sciroppi fluidificanti: sono a base di un principio attivo mucolitico, come l’ambroxolo, che consente di sciogliere il muco in eccesso e facilitarne l’espulsione, riducendone anche la densità causa dell’aderenza lungo le pareti bronchiali.

Qualche utile rimedio

La tosse canina negli adulti, può essere considerata il corrispettivo della pertosse, tipica invece dei bambini. I rimedi casalinghi per alleviare il fastidio nella fase acuta, possono essere diversi:

  • Umidificare gli ambienti: è necessario che si raggiunga una temperatura costante, intorno ai 20-22 gradi circa, in grado di contrastare l’azione irritante dell’aria secca;
  • Igienizzare: mantenere l’ambiente pulito è un rimedio efficace per favorire la normale attività respiratoria. Evitate che sostanze irritanti scatenino ulteriori attacchi di tosse, quindi no a fumo, stufe e camini.
  • Mantenere le mucose della cavità orale idratate: un gesto semplice ma efficace, che contribuisce ad alleviare il fastidio del bruciore.