Ha una durata piuttosto lunga: quando si presenta per un periodo che va dalle 3 alle 8 settimane, si tratta di tosse cronica. Può essere generata da diversi tipi di disturbi: raffreddore, allergie o reflusso gastroesofageo. In tutti questi casi è contemplata una sintomatologia specifica. Scopriamo anche i possibili rimedi per contrastarla.

Sintomi

La tosse cronica può manifestarsi con una sintomatologia molto simile a quella influenzale. Ecco che potreste accusare naso chiuso e gocciolante, avvertire una sensazione di presenza di liquido nella parete posteriore della gola ed anche un respiro sibilante.

Cause

Il flusso di muco nella gola può rappresentare un fattore scatenante della tosse cronica. Così pure una rinite allergica o una sinusite cronica. Ma anche l’asma e la tosse allergica concorrono a provocare una tosse acuta che non passa. Solitamente i due momenti della giornata in cui la tosse è piuttosto persistente, sono la notte e il mattino presto, al risveglio. Altro disturbo che scatena la tosse cronica è il reflusso gastroesofageo, piuttosto fastidioso perché consiste nell’irritazione di una parte di trachea e bronchi, attraversati dalla materia acida. Ma anche il raffreddore e l’influenza sono fattori che rappresentano un rischio, così pure il fumo perché implica una condizione di irritazione costante del cavo orofaringeo, e può portare alla bronchite. Infine, una delle cause più serie, perché di natura virale e da contrastare con un vaccino, è senz’altro la pertosse, una patologia comune nei bambini.

Rimedi

Una volta determinata la causa scatenante della tosse cronica, il passaggio successivo è quello di scegliere un trattamento ad hoc, che possa aiutarvi a recuperare rapidamente.

  • Sedativi, antisettici e decongestionanti: sono validi alleati del cavo orofaringeo, un rimedio utile contro lo stimolo continuo a tossire. Quando la tosse è accompagnata da naso chiuso e gocciolante è necessaria anche l’azione decongestionante di farmaci specifici;
  • Antistaminici: vanno impiegati nel caso in cui la tosse fosse allergica;
  • Farmaci da reflusso: si tratta di bloccanti degli acidi per impedire il disturbo del reflusso gastroesofageo. Sono indispensabili perché inibiscono la formazione dell’acido;
  • Antibiotici: si usano solo per trattare un’infezione e vanno impiegati con cautela;
  • Rimedi naturali: latte caldo con miele, oppure una tisana a base di malva. Svolgono un’azione emolliente e lenitiva. Sono dei validi rimedi naturali da associare a terapie d’urto.