Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok

La comunicazione e gli spot Tv di NeoBorocillina

Gli spot che avete visto in Tv e la genesi dei simpatici (e pestiferi) diavoletti della brutta stagione

L'evoluzione del concept "diavoletto"

La bozza - C'erano una volta i colli lunghi, il concetto di comunicazione con il quale abbiamo comunicato l'esposizione della gola agli attacchi delle patologie invernali. Eravamo alla ricerca di un'immagine chiave memorabile, che colpisse un pubblico dinamico, che non ama farsi rinchiudere in casa dai fastidiosi malanni della brutta stagione. Un pubblico che reagisce positivamente e con vigore alle malattie invernali. Allora abbiamo detto "al diavolo la brutta stagione"!
Mal di gola e mal di gola forte, il naso chiuso, i sintomi influenzali hanno iniziato a prendere la forma di simpatici e dispettosi diavoletti.

NeoBorocillina la bozza dei diavoletti

Prendono corpo - C'è l'agile e insidioso Slim con il suo forcone; c'è Scarmiglione che, quando colpisce con i suoi guantoni, non dà scampo; c'è Nasone che, con il suo mollettone, non ci permette di respirare liberamente; ci sono i fratelli Martelli, che tartassano il malcapitato con i loro martelloni di legno. A partire dagli schizzi a matita, i diavoletti di NeoBorocillina hanno (letteralmente) preso corpo grazie a un'animazione 3D.

NeoBorocillina i diavoletti prendono corpo

Prendono vita – Nonostante i loro sorrisetti perfidi e il loro vivido aspetto grottesco, ai diavoletti della brutta stagione mancava ancora qualcosa: il movimento. L'ultimo passo della genesi dei nostri diavoletti è la realizzazione degli spot che tutti conosciamo.
Nelle pubblicità di NeoBorocillina Slim, Scarmiglione, Nasone e i fratelli Martelli prendono vita, tendendo agguati in ogni angolo della città e tormentando gli ignari malcapitati con i loro "strumenti di tortura" preferiti rappresentando in modo chiaro i sintomi delle patologie che raffigurano.

NeoBorocillina i diavoletti prendono vita

Che diavolo ti ha preso?

L'identikit dei diavoletti di NeoBorocillina

NeoBorocillina Diavoletto Slim

Segni particolari: sorrisetto perfido e pizzetto.
Strumento di tortura preferito: forcone.
Torture preferite: pizzicore, secchezza, bruciore alla gola.
Carattere: insidioso e furbo, può colpire in ogni momento. Ama stuzzicare le proprie vittime con il proprio forcone.

NeoBorocillina Diavoletto Scarmiglione

Segni particolari: non abbandona mai i suoi guantoni.
Strumento di tortura preferito: pugni.
Torture preferite: ama procurare dolore forte alla gola e rendere difficile la deglutizione.
Carattere: non sembra molto furbo, ma non lo fate arrabbiare: è facilmente irritabile e, quando colpisce, sa come mettervi K.O.

NeoBorocillina Diavoletto Nasone

Segni particolari: naso grosso
Strumento di tortura preferito: mollettone.
Torture preferite: non riesce a resistere alla tentazione di tapparvi il naso, di notte per lui è anche più divertente.
Carattere: uno dei diavoletti più dispettosi. Se vi prende per il naso, non vi molla più. Provate a respirare, poi: non c'è verso.

NeoBorocillina Fratelli Martelli

Segni particolari: non colpiscono mai da soli.
Strumento di tortura preferito: martellone di legno.
Torture preferite: colpire ripetutamente testa e articolazioni, lasciando le proprie vittime completamente spossate.
Carattere: questi diavoletti sono dei bulli con un bruttissimo carattere, è meglio non avere nulla a che fare con loro. Possono stendervi con pochi colpi.

NeoBorocillina Stizzo Tossicchio

Segni particolari: sguardo cattivo e muscoli definiti.
Strumento di tortura preferito: superpiuma irritante.
Torture preferite: arrivano sempre puntuali nei momenti peggiori; amano stuzzicare l'irritazione fino a quando, felici, non ti sentono tossire.
Carattere: i due gemelli sono uguali anche caratterialmente: diavoletti insidiosi e tremendamente fastidiosi. Non si separano mai dalle loro superpiume irritanti.

TOP